Aedes SIIQ Logo

  • AUGUSTO HA INFORMATO LA SOCIETA’ DI UNO STATO DI INCERTEZZA, AD ESSO NON IMPUTABILE, CON POSSIBILI RIFLESSI SULL’ORDINATO ESERCIZIO DI PARTE DEI PROPRI DIRITTI DI OPZIONE NELL’AMBITO DELL’AUMENTO DI CAPITALE
  • CONSEGUENTI INCERTEZZE SUI TEMPI DI ESECUZIONE DELL’AUMENTO DI CAPITALE
  • AUGUSTO, NELLE MORE DELL’ESECUZIONE DELL’AUMENTO DI CAPITALE, CONFERMA IL PROPRIO SUPPORTO FINANZIARIO ALLA SOCIETA’ A SOSTEGNO DEL PIANO INDUSTRIALE PER COMPLESSIVI EURO 25,6 MILIONI CIRCA, DI CUI 22 GIA’ EROGATI/EROGANDI

Milano, 27 gennaio 2020 – Facendo seguito a quanto già comunicato in data 6 dicembre e 14 dicembre 2019, Aedes SIIQ S.p.A. (MTA: AE) (“Aedes” o la “Società”) rende noto di aver ricevuto, nella tarda serata del 24 gennaio 2020, una comunicazione (la “Comunicazione”) da parte di Augusto S.p.A. (“Augusto”) - il quale detiene direttamente il 51,124% del capitale sociale della Società ed esercita attività di direzione e coordinamento sulla stessa - in relazione all’aumento di capitale a pagamento, in via scindibile, per un importo massimo pari ad Euro 50 milioni comprensivo di sovrapprezzo, deliberato dall’assemblea straordinaria degli azionisti della Società in data 10 settembre 2019 (l’“Aumento di Capitale”). Con la Comunicazione Augusto ha rappresentato alla Società l’esistenza di uno stato di incertezza - ad esso non imputabile – con possibili riflessi sull’ordinato esercizio, nell’ambito dell’Aumento di Capitale, di n. 5.020.618 diritti di opzione ad esso spettanti, corrispondenti al 15,67% del capitale sociale della Società e a circa Euro 7,86 milioni di Aumento di Capitale (rispetto ai complessivi n. 16.375.242 diritti di opzione spettanti ad Augusto e alla quota complessiva di Aumento di Capitale di competenza di Augusto pari a circa Euro 25,6 milioni).

Quanto sopra rappresentato da Augusto comporta un ritardo nella tempistica di esecuzione dell’Aumento di Capitale comunicata al mercato ad oggi difficilmente stimabile, fermo restando che non si può escludere che, qualora le predette incertezze siano superate in tempi brevi, l’Aumento di Capitale possa trovare comunque attuazione prima dell’approvazione del progetto di bilancio relativo all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019.

Aedes informa altresì che alla data odierna Augusto ha già erogato Euro 17 milioni e ha confermato l’erogazione di ulteriori Euro 5 milioni entro il 29 gennaio 2020, per complessivi Euro 22 milioni (rispetto ai circa Euro 25,6 milioni previsti) a valere sui finanziamenti soci sottoscritti il 28 giugno 2019 e il 13 dicembre 2019, al fine di supportare la realizzazione del piano industriale 2019-2024, nelle more del perfezionamento dell’operazione di Aumento di Capitale.

Augusto ha altresì comunicato la propria disponibilità, a conferma del necessario supporto, a discutere con la Società le modalità tecniche per far sì che gli importi già erogati e quelli comunque erogandi fino a concorrenza della quota di competenza siano destinati alla sottoscrizione dell’Aumento di Capitale.

Il presente comunicato è disponibile anche sul sito della Società www.aedes-siiq.com.

Scarica il Comunicato Stampa Integrale

Risultati immagini per fincantieri logo

APPROVATI I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2019: RICAVI IN CRESCITA DEL 10% CON

CARICO DI LAVORO COMPLESSIVO DI OLTRE EURO 32 MILIARDI E NAVI IN CONSEGNA FINO AL 2027

  • Ricavi in incremento del 9,7%: pari a euro 4.254 milioni (euro 3.878 milioni al 30 settembre 2018)
  • EBITDA pari a euro 287 milioni (euro 281 milioni al 30 settembre 2018) con EBITDA margin del 6,7% (7,3% al 30 settembre 2018): riflette il positivo andamento del settore Shipbuilding (+30,2% rispetto al 30 settembre 2018 nonostante l’effetto negativo delle commesse cruise di Vard) e sconta la marginalità negativa del settore Offshore e Navi speciali
  • I risultati operativi del Gruppo sono positivi ed in miglioramento in tutti i comparti sebbene limitati dai risultati negativi della controllata Vard, per la quale è in atto un processo di riorganizzazione volto al miglioramento dell’andamento gestionale
  • Indebitamento finanziario netto1 : euro 904 milioni (euro 494 milioni al 31 dicembre 2018), in linea con le aspettative e coerente con la crescita delle dimensioni e del valore delle unità cruise in costruzione. Sulla base del calendario delle consegne per il resto dell’esercizio (3 navi da crociera consegnate a ottobre) e per i trimestri successivi si prevede un riassorbimento della posizione finanziaria
  • Ordini acquisiti pari a euro 6,8 miliardi: firmati contratti per 17 unità, tra cui 11 navi da crociera per 5 brand diversi (Oceania, Regent Seven Seas, Viking, MSC, Princess) e una ulteriore unità per la US Navy nell’ambito del programma Littoral Combat Ship (LCS)
  • Carico di lavoro complessivo2 per 106 navi pari a euro 32,3 miliardi, circa 5,9 volte i ricavi 2018: backlog di euro 28,4 miliardi (+9,3% rispetto al 30 settembre 2018) con 96 unità in consegna fino al 2027 e soft backlog di euro 3,9 miliardi
  • Consegnate 18 navi da 11 stabilimenti diversi, tra cui 2 navi da crociera, 3 unità expedition cruise e 3 navi militari, e varate 2 unità del programma di rinnovo della flotta della Marina Militare Italiana
  • Acquisizione del 60% del gruppo INSIS, azienda attiva nel settore dell’integrazione di sistemi tramite la realizzazione di soluzioni tecnologiche innovative, realizzata per l’ulteriore potenziamento delle iniziative già intraprese da Fincantieri nell’ambito dello sviluppo di un polo di eccellenza informatica ed elettronica
  • Continua la collaborazione franco-italiana nell’ambito della creazione di un’industria navalmeccanica europea più efficiente e competitiva, con la firma dell’Alliance Cooperation Agreement tra Fincantieri e Naval Group
  • Prosegue l’istruttoria dell’Autorità Antitrust Europea sull’acquisizione di Chantiers de l’Atlantique con l’avvio di una fase supplementare di indagine
  • Procedono le attività per la costruzione del ponte sul fiume Polcevera a Genova, con l’installazione e il varo in quota del primo tratto di impalcato del nuovo ponte
  • Continua l’impegno del Gruppo nel campo della sostenibilità con la stipula di importanti accordi in ambito sociale ed ambientale con particolare riferimento ad innovazione, sicurezza sul lavoro e formazione

Scarica il Comunicato Stampa Integrale

Risultati immagini per aedes siiq

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI AEDES SIIQ HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2019

  • Ricavi: €12,4 mln (€15,3 mln) 1 2 in riduzione di €2,9 mln in gran parte dovuta alla mancanza di plusvalenze da vendita, €2,7 mln al 30 settembre 2018
  • Ricavi da Affitti like for like in aumento del 7,5% circa
  • Costi diretti interni: €1,3 mln (€0,7 mln) in aumento di €0,6 mln in gran parte per minori costi capitalizzati su immobili;
  • Costi indiretti: €6,4 mln (€6,6 mln) in leggera riduzione di €0,2 mln
  • EBITDA: negativo €0,5 mln (positivo €2,7 mln)
  • EBIT: negativo €2,7 mln (positivo per €7,7 mln) in riduzione per effetto degli adeguamenti al fair value negativi nel 2019 rispetto ad adeguamenti positivi nel 2018
  • Indebitamento finanziario netto: €188,0 mln (€203,8 mln) in miglioramento rispetto a fine 2018 con un aumento della duration media da 1,98 anni a 2,67 anni

Milano 30 ottobre 2019 - Il Consiglio di Amministrazione di Aedes SIIQ S.p.A. (MTA: AED), riunitosi in data odierna, sotto la Presidenza di Carlo A. Puri Negri, ha approvato il resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2019.

Scarica il Comunicato Stampa Integrale

Risultati immagini per risanamento logo

COMUNICATO STAMPA

APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2019

  • Perdita consolidata pari ad euro 9,7 milioni di euro significativamente inferiore rispetto a quella registrata al 30 settembre 2018 (perdita di 18,2 milioni di euro)
  • Posizione finanziaria consolidata netta pari a 680 milioni di euro (negativa) a fronte di 658 milioni di euro (negativi) registrati al 30 settembre 2018 e di 664 milioni di euro (negativi) registrati al 31 dicembre 2018
  • Patrimonio consolidato netto positivo pari 133 milioni di euro a fronte di 149 milioni di euro al 30 settembre 2018 e 143 milioni di euro al 31 dicembre 2018

Il Consiglio di Amministrazione della Risanamento S.p.A., tenutosi in data odierna sotto la presidenza del Dott. Claudio Calabi, ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2019 che evidenzia i seguenti principali dati consolidati:

Il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2019 espone un risultato netto ancora negativo di 9,7 milioni di euro, ma in sensibile miglioramento rispetto a quanto registrato nel corrispondente periodo dell’esercizio precedente (risultato netto negativo di 18,2 milioni di euro); a tale riguardo si fa presente che il risultato beneficia (i) della consistente riduzione degli oneri finanziari (circa 3 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dello scorso anno) derivante dall’applicazione dei nuovi tassi di interesse sull’indebitamento esistente a partire dal 1 gennaio 2019 così come previsto dall’accordo di moratoria sottoscritto con gli istituti bancari lo scorso 11 luglio 2018 nonché (ii) di alcuni proventi positivi straordinari e non ricorrenti il principale dei quali si riferisce al rilascio di un fondo rischi per l’importo di circa 5 milioni di euro. 

Scarica il Comunicato Stampa Completo

Risultati immagini per saes getters logo

FATTURATO IN CRESCITA A DOPPIA CIFRA E MARCATO MIGLIORAMENTO DEGLI INDICATORI ECONOMICI

  • Ricavi consolidati pari a €88,5 milioni, rispetto a €75,7 milioni nell’H1 2018. Al netto dell’effetto positivo dei cambi (+5,7%), crescita organica a due cifre (+11,2%)
  • Fatturato complessivo di Gruppo pari a €94,2 milioni, in crescita del 15,4% rispetto a €81,7 milioni nell’H1 2018
  • Utile industriale lordo consolidato pari a €37,8 milioni (42,7% dei ricavi), in crescita del 16,4% rispetto a €32,5 milioni (42,9% dei ricavi) nell’H1 2018
  • Utile operativo consolidato pari a €13,4 milioni, in forte crescita (+70,2%) rispetto a €7,9 milioni nell’H1 2018
  • EBITDA consolidato pari a €18 milioni (20,3% dei ricavi), rispetto a €11,7 milioni (15,5% dei ricavi) nell’H1 2018
  • Utile netto consolidato da attività operative pari a €9 milioni, più che triplicato rispetto a €2,7 milioni nell’ H1 2018
  • Posizione finanziaria netta consolidata positiva per €105 milioni al 30 giugno 2019

Il Consiglio di Amministrazione di SAES Getters S.p.A., riunito oggi a Lainate (MI), ha approvato i risultati consolidati relativi al primo semestre 2019 (1 gennaio – 30 giugno). “I risultati del semestre, trainati dall’ottima performance delle leghe a memoria di forma per applicazioni industriali e di altri nuovi prodotti, confermano appieno la solidità del Gruppo e la potenzialità degli sviluppi futuri” – ha dichiarato l’Ing. Massimo della Porta, Presidente di SAES Getters S.p.A. “Per i mesi a venire manteniamo un cauto ottimismo, grazie al peso delle componenti di fatturato meno soggette alle fluttuazioni del ciclo economico”. 

Scarica il Comunicato Stampa Integrale